Documento di Valutazione del Rischio da Stress Lavoro-Correlato

Questo documento valuta tutti i rischi legati allo “stress lavoro-correlato” ovvero l’insieme delle reazioni fisiche ed emotive dannose che...

Questo documento valuta tutti i rischi legati allo “stress lavoro-correlato” ovvero l’insieme delle reazioni fisiche ed emotive dannose che si manifestano quando le richieste poste dal lavoro non sono  commisurate alle capacità, risorse o esigenze  del lavoratore. 

Il documento è realizzato in ottemperanza del D.Lgs. 81/08 art. 17 e tiene conto, tra l’altro, delle indicazioni sottoscritte dall’ Accordo Europeo dell’8 ottobre 2004, delle Linee Guida emanate dall’Agenzia Europea per la sicurezza e la salute sul lavoro e delle buone prassi  diffuse dall’INAIL Dipartimento Medicina del Lavoro (ex ISPESL), in particolare della proposta metodologica elaborata per La Prevenzione Del Disagio Psicosociale Nei Luoghi Di Lavoro (Maggio 2011).

La valutazione oggetto del documento riguarda tutti i lavoratori, compresi dirigenti e preposti, prendendo in considerazione  gruppi omogenei di lavoratori (per mansioni svolte o partizioni organizzative) che risultino esposti a rischi dello stesso tipo, secondo una individuazione che ogni datore di lavoro può autonomamente effettuare in ragione della effettiva organizzazione aziendale.

CHI LO DEVE FARE

Il rischio da stress lavoro-correlato si colloca tra i rischi derivanti da esposizione ad agenti fisici presenti nell’ambiente di lavoro e, secondo quanto disciplinato dal D.Lgs. 81/08, deve essere considerato nel Documento di Valutazione dei Rischi (DVR).
Tale adempimento può quindi riguardare ogni luogo di lavoro ed ogni lavoratore, indipendentemente da dimensioni dell'azienda, settore di attività, tipologia del contratto o rapporto di lavoro; di conseguenza, la valutazione del rischio deve essere effettuata in tutte le imprese seppure a livelli differenti (con diversi gradi di approfondimento), analizzando anche l'organizzazione del lavoro potenzialmente più pericolosa per la salute.

QUANDO VA REDATTO

Il documento di valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato, essendo parte integrante del DVR, va redatto entro 90 giorni dalla data di inizio attività e va aggiornato con una cadenza biennale

AGGIORNAMENTO 

 Tale periodicità può però cambiare in base ai risultati della valutazione stessa.

Corsi correlati

vedi tutti